Monthly Archives: March 2012

Quel sentimento borghese che chiamate amore

– …e fu da quel giorno che smisi per sempre di amare, commutando il sentimento in rosicare. – concluse la ragazza, al telefono con l’amico un tempo amato. – Ma io vedevo come lo guardavi, lo leggevo nei tuoi occhi … Continue reading

Posted in linguaggi | Comments Off on Quel sentimento borghese che chiamate amore

Lo sciopero della Pucchiacchia

Fonte: conte popolari di Giuseppe Pitrè. Location: il tribunale del Padreterno. Convenuti: cuore, cervello e altri organi. _______ – Si rischia la paralisi! Se tu, Santissimo Signore, non intervieni immediatamente, qui si schiatta… – Di che si tratta? Chi protesta? … Continue reading

Posted in delizie, linguaggi | Comments Off on Lo sciopero della Pucchiacchia

La retorica non mi interessa

Quando ho iniziato ad approcciare il “movimento” mi riecheggiava ancora in mente l’idea di fare del mio meglio per lasciare il mondo un po’ migliore. Nonostante la provenienza di queste ne fosse lontana, mi sembravano così vicine a quell’”another world … Continue reading

Posted in la rage, odio lavorare | Comments Off on La retorica non mi interessa

Polpette di lenticchie (vegan)

La ricetta è una rielaborazione di una trovata sul sito di una rivistaccia che spesso mi leggo al cesso grazie alle provviste fornite da mia nonna. Fatta la dovuta premessa, questa la ricetta…   Ingredienti (3-4 persone): lenticchie rosse 200 … Continue reading

Posted in ricette | Comments Off on Polpette di lenticchie (vegan)

Poop back and forth

Ho appena finito di vomitare, nonostante gli antiemetici. Mi sono barricata in casa mentre aspetto l’irruzione. Uno, due, tre. Quanto ci metteranno? Gli stanno passando sopra, e io sono qui con una scatoletta di antiemetici ad arrovellarmi il cervello e … Continue reading

Posted in autodifesa, la rage, saudade, useless&personal stuffs | Comments Off on Poop back and forth